AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Tutti gli elementi

27/01/2012

Inaugurata a Picanello la sede di Addiopizzo e Libera Catania

Foto allegate: Foto 1

Al sesto piano di via Finocchiaro Aprile 112, nel quartiere Picanello, ha dimora la prima sede di Addiopizzo e Libera Catania. In quello che fino a poco tempo fa era un appartamento frequentato da mafiosi, oggi campeggia ben visibile all’ingresso lo slogan: “Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità”, in cui si riconoscono tutti i commercianti, gli imprenditori e le persone oneste. Accanto, la bandiera di Libera “Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”. A festeggiare la nuova sede insieme al presidente di Addiopizzo Catania, Salvatore Grosso, al rappresentante di Libera, Giuseppe Vinci, che ha portato i saluti di Dario Montana, e al coordinatore provinciale di Libera, Giuseppe Strazzulla, c’erano  tutti i ragazzi che quotidianamente svolgono attività di volontariato per  radicare sempre più i principi di legalità e giustizia. Al loro fianco i vertici delle Istituzioni cittadine, che nel corso degli anni sono sempre stati vicini al lavoro delle due associazioni: il Prefetto di Catania, Francesca Cannizzo, il presidente della Provincia, Giuseppe Castiglione, il procuratore Capo della Repubblica, Giovanni Salvi e il Procuratore aggiunto Michelangelo Patanè.
A volere che l’appartamento venisse assegnato ad Addiopizzo Catania e Libera fu l’allora Prefetto di Catania Giovanni Finazzo, ed è con un sentito ringraziamento nei suoi confronti che Salvatore Grosso, presidente di Addiopizzo, ha dato il via all’inaugurazione di questo bene confiscato alla mafia.  «Sono fiero di rappresentare un gruppo di ragazzi che dedicano molto tempo, sottraendolo alla propria vita privata, per una causa comune, per attività di recupero sociale, di sensibilizzazione a una cultura della legalità e all’impegno contro la corruzione ha dichiarato Grosso –. Tuttavia, senza la fiducia e il supporto concreto delle Istituzioni non avremmo raggiunto questi traguardi. Per questo ringrazio la Prefettura, che già nel 2008 credette in questa associazione assegnandoci il bene confiscato e la Provincia di Catania, nella persona del suo presidente Giuseppe Castiglione, che ci ha donato un contributo di 20.000 euro, grazie al quale abbiamo ristrutturato e arredato la sede. Ma ringrazio anche Ivan Lo Bello per aver permesso la cancellazione dell’ipoteca che gravava su l’appartamento e tutti coloro che si sono spesi per realizzare questo “avamposto della legalità”, sperando che possa diventare un sano punto di riferimento per il quartiere ».
Il rappresentante di Libera, Giuseppe Vinci, ha sottolineato quanto «il valore della memoria storica sia importante in un percorso di rinascita della nostra terra. Per questo l’appartamento è stato dedicato ad alcune tra le vittime della mafia che hanno dato tanto alla Sicilia, come il Commissario Beppe Montana, il vice questore Ninni Cassarà e  l’agente Roberto Antiochia. Occorre inoltre – ha concluso Vinci – restituire il maltolto ai cittadini onesti e lavorare insieme in rete».
«La Provincia lavora da un anno a questo progetto, ma lo ha realizzato in sordina e senza clamori, preferendo darne annuncio soltanto a cose fatte. Nonostante l’Ente non disponga di un capitolo apposito per questo tipo di attività – ha raccontato il presidente Castiglione –  ho deciso di attingere al fondo di riserva per sostenere l’impegno di associazioni a cui tutti dobbiamo dire grazie e per realizzare in un quartiere, che per certi versi è a rischio, uno spazio civico di aggregazione e formazione. Oggi – ha concluso il presidente della Provincia –  la gioia e i sorrisi di questi ragazzi hanno confermato di aver preso la scelta giusta».
«La città onesta si riprende una rivincita», hanno dichiarato il procuratore capo Giovanni Salvi e il procuratore aggiunto Michelangelo Patanè, che nel contempo hanno lanciato un messaggio forte:«i beni confiscati vengano resi operativi e possano essere patrimonio di tutta la città». Il Prefetto di Catania ha mostrato soddisfazione nel vedere  “un bel connubio tra Istituzioni e società civile che hanno la stessa comunione d’intenti”, constatando che “insieme si è più forti e più determinati”.
A conclusione dell’inaugurazione, sono stati offerti dolci e vino prodotto da Libera nelle campagne  di Palermo confiscate e ad essa assegnate. Erano presenti anche il Questore di Catania, Antonino Cufalo, il Comandante provinciale dei Carabinieri, Giuseppe La Gala, e il Capitano Orazio Sanfilippo in rappresentanza del Comandante provinciale della Guardia di Finanza.

Politiche Sociali

a cura: dell´UFFICIO STAMPA Centro Direzionale Nuovaluce Via Nuovaluce, 67a - Tremestieri Etneo [CT]

Amministrazione trasparente
Trasparenza ai sensi dell’art.34 della Legge Regione Siciliana n. 7 del 2019”
Segnalazioni
Esprimi la tua opinione
Portale delle Gare Telematiche
Segnalazioni & Suggerimenti

Per segnalazioni o eventuali proposte il cittadino può utilizzare la seguente e-mail segnalazioni.cittadini@cittametropolitana.ct.it

 

Albo Pretorio on-line 

Pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi con effetto di pubblicità legale. Legge 69/2009.
Per la corretta visualizzazione dei file firmati digitalmente (p7m) scaricare il programma DiKe-InfoCert

- Legge n. 69 del 18 giugno 2009
Articolo 18 L.R. 22/2008 modificato dall'articolo 6 della L.R. N.11/2015

Questionario di soddisfazione relativo al sito e ai Servizi On-Line

Questionario di soddisfazione relativo al sito e ai Servizi On-Line


Fatturazione Elettronica
Patto di integritŕ in materia di contratti pubblici
  • 14 gennaio 2020

    Pranzo solidale offerto alla comunità Sant’Egidio grazie al progetto “Cuore Generoso”

    Continua...

  • 14 gennaio 2020

    Sposami continua a regalare emozioni

    Continua...

  • 12 gennaio 2020

    Sposami alza il sipario: la XVI edizione parte con un boom di presenze

    Continua...

  • 10 gennaio 2020

    Al via Sposami: domani inaugurazione della più importante vetrina sul matrimonio

    Continua...

  • 9 gennaio 2020

    Obbligo di catene o di pneumatici invernali sino al 15 aprile sulle strade di competenza provinciale

    Continua...

  • 8 gennaio 2020

    Presentata "Sposami": sabato 11 alle ore 16 l'inaugurazione

    Continua...

  • 7 gennaio 2020

    Presentazione alla stampa della XVI edizione di Sposami, dall'11 al 19 gennaio alle Ciminiere

    Continua...

  • 2 gennaio 2020

    Alle Ciminiere musei aperti il giorno dell'Epifania

    Continua...

  • 30 dicembre 2019

    Epifania, musei aperti alle Ciminiere

    Continua...

  • 24 dicembre 2019

    Musei, orari di apertura durante le festività Natalizie

    Continua...

  • 19 dicembre 2019

    Paternò. Procedura di evidenza pubblica, venduto l’ex Albergo Sicilia

    Continua...

  • 17 dicembre 2019

    Viabilità, Adrano. Chiusa temporaneamente al transito la strada provinciale 126 per lavori al piano viabile

    Continua...

Maggio 2012, n° 1

Ultima edizione, Maggio 2012, n° 1