AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SeOLProgetto EtnaOnlineProgetto SISC

Tutti gli elementi

01/06/2017

“Al servizio del potere”: l’autrice e regista Eliana Esposito racconta in chiave umoristica alcune tecniche di persuasione di massa Dall’1 all’11 giugno nella Sala consiliare di Palazzo Minoriti. Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21

Dedicato alle tecniche di persuasione utilizzate dal “sistema” per manipolare le masse inconsapevoli. È lo spettacolo di Eliana Esposito Al servizio del potere. La fabbrica del consenso, quarto appuntamento della rassegna “Altrove” che il Teatro Stabile di Catania dedica all’approfondimento di temi sociali e civili attraverso spettacoli allestiti in luoghi storici ed emblematici della vita pubblica cittadina. Dunque la manipolazione: è un’atmosfera orwelliana, seppure molto ironica e dai risvolti comici, quella che si respira nella drammaturgia di Eliana Esposito, che sigla anche la regia della produzione realizzata dallo Stabile in collaborazione con il Teatro del Canovaccio. Ne sono interpreti Carmela Buffa Calleo, Antonio Caruso, Neculai Cattaneo. Aiuto regia e direttore di scena sono Gloria Di Paola e Donatella Marù, la grafica di Alvalenti, tecnico luci Simone Raimondo, Alessandro Marinaro e Fino La Leggia si sono occupati delle riprese e del montaggio dei video. La sede prescelta è la Sala Consiliare di Palazzo Minoriti, grazie alla disponibilità della Città Metropolitana di Catania. Sono previste otto rappresentazioni serali (inizio ore 21) con il seguente calendario: 1, 3, 4, 6, 8, 9, 10, 11 giugno. Siamo veramente liberi di scegliere? L’autrice e regista sintetizza così le premesse da cui parte Al servizio del potere ed esplicitate nel sottotitolo La fabbrica del consenso: «Siamo sicuri di essere noi i soli artefici della nostra vita? Siamo sicuri che tutte le nostre scelte, dalle più futili alle più importanti, quello che consumiamo, quello che mangiamo, siano dettate veramente da un nostro effettivo bisogno? Siamo sicuri che tutte quelle che consideriamo conquiste siano veramente frutto della nostra evoluzione? Non abbiamo risposte da dare, questo è solo uno studio in chiave umoristica su alcune tecniche di persuasione di massa attraverso i mezzi di comunicazione da sempre al servizio del potere. Uno studio sulle tecnologie d’ingegneria sociale come The Hallin’sspheres, The Overton Window o le strategie della manipolazione smascherate da Noam Chomsky. Una riflessione su come il potere, attraverso i mezzi di comunicazione, sia in grado di manipolare e condizionare i nostri pensieri, farci accettare, con una sequenza ordinata di passaggi, qualsiasi cosa; anche un’idea inconcepibile ma utile al sistema e, talvolta, per pura coincidenza, chissà, anche alla società stessa». L’intento manipolatorio è abilmente celato ai soggetti che lo subiscono, come spiega ancora Eliana Silvia Esposito: «Ognuno, all'interno di questi step, contribuisce senza saperlo alla causa e agevola l'avanzamento alla fase successiva, i giornalisti, per esempio, sono in cerca di scoop, i conduttori TV vogliono ascolti, gli artisti vogliono popolarità, i politici vogliono voti e tutti noi siamo in cerca di un "like" per affermare il nostro ego; ed ecco che la macchina della propaganda si autoalimenta, non ha più bisogno di gas. Il potere ci vuole inoffensivi, comodi e in totale relax, ipnotizzati, per attuare indisturbato i suoi piani e metterci inconsapevolmente al suo servizio come utili idioti. Questo studio non si domanda perché, quando e a chi possano essere utili tali accettazioni, vuole semplicemente mostrare come funziona questo tipo di tecnologia. L’argomento scelto per svelare queste tecniche di ingegneria sociale è volutamente sgradevole. È una metafora ovviamente, ma anche una provocazione perché pochi sembrano ormai gli argomenti capaci di suscitare indignazione». Quali strumenti critici possono aiutarci a comprendere meccanismi tanto raffinati quando sfuggenti? Eliana Silvia Esposito cita a proposito grandi maestri: «Pasolini che come tutti i geni riusciva a vedere oltre la soglia del suo tempo, aveva profetizzato e denunciato i pericoli del “nuovo potere”, della società dei consumi, dell'omologazione, del totalitarismo massmediatico che dietro la garanzia di una finta libertà è in grado “di manipolare i corpi e trasformare le coscienze”. E aggiungeva: “La ‘tolleranza’ della ideologia edonistica voluta dal nuovo potere è la peggiore delle repressioni della storia umana”. Certo è scoraggiante scoprire che probabilmente nessuna rivoluzione sia forse partita veramente dal basso, ma per cambiare è meglio sapere e avere l'umiltà di riconoscere che tutti siamo manipolabili, giacché come diceva Goethe:“Nessuno è più schiavo di colui che crede di essere libero”, perché non vedrà mai le sue catene».

Cultura

a cura: dell´UFFICIO STAMPA Centro Direzionale Nuovaluce Via Nuovaluce, 67a - Tremestieri Etneo [CT]

Documenti :

Dettagli Al_servizio_del_potere__2_.jpg

Albo Pretorio on-line 

Pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi con effetto di pubblicità legale. Legge 69/2009.
Per la corretta visualizzazione dei file firmati digitalmente (p7m) scaricare il programma DiKe-InfoCert

- Legge n. 69 del 18 giugno 2009
Articolo 18 L.R. 22/2008 modificato dall'articolo 6 della L.R. N.11/2015

Questionario di soddisfazione relativo al sito e ai Servizi On-Line

  • 20 giugno 2018

    Fiumefreddo, in estate regolamentata la circolazione sulla via Marina di Cottone

    Continua...

  • 12 giugno 2018

    Istituzioni. Enzo Bianco ha incontrato i dipendenti della città metropolitana di Catania per i saluti di fine mandato

    Continua...

  • 5 giugno 2018

    Formazione. Firmato un protocollo d’intesa per la riqualificazione del personale impiegato negli Enti locali del territo...

    Continua...

  • 1 giugno 2018

    Scordia, dal 4 al 6 giugno chiusura al transito di un tratto della strada provinciale 217

    Continua...

  • 31 maggio 2018

    Calatabiano, circolazione regolamentata nella stagione balneare a San Marco

    Continua...

  • 25 maggio 2018

    Maggio dei Libri 2018: sabato 26 l’architetto Raffaele Di Mauro presenterà la sua raccolta di poesie

    Continua...

  • 24 maggio 2018

    Maggio dei Libri 2018: venerdì 25 presentazione del saggio di Sanfilippo dedicato a Sebastiano Addamo

    Continua...

  • 24 maggio 2018

    Pinacoteca Nunzio Sciavarello, celebrato l’artista a cento anni dalla nascita

    Continua...

  • 22 maggio 2018

    Pinacoteca Nunzio Sciavarello, domani si celebra l’artista a cento anni dalla nascita

    Continua...

  • 21 maggio 2018

    Maggio dei Libri 2018: martedì 22 presentazione dell’ultimo libro di Gabriella Vergari

    Continua...

  • 21 maggio 2018

    Raccolta differenziata, una giornata dedicata agli obiettivi raggiunti e allo studio di nuovi progetti

    Continua...

  • 15 maggio 2018

    Maggio dei Libri 2018: venerdì 18 incontro con l’architetto Salvino Maltese

    Continua...

Maggio 2012, n° 1

Ultima edizione, Maggio 2012, n° 1